Il capo della politica di sicurezza di Facebook, Nathaniel Gleicher, ha recentemente rivelato una serie di ultimi strumenti e caratteristiche di sicurezza che l’azienda sta distribuendo per gli utenti in Afghanistan, citando gli improvvisi ed estremi cambiamenti nella governance e, quindi, il rischio che molti di noi all’interno della nazione affrontano. L’azienda consentirà agli utenti in Afghanistan di bloccare rapidamente i loro conti con un clic.

Con la rapida presa di potere dei talebani in Afghanistan, molti di noi all’interno della nazione stanno ora rimescolando per cancellare i contenuti dai nostri profili di social media che metteranno in pericolo la loro vita, tra cui post, video e foto. Inoltre, gli afgani hanno riportato casi in cui i talebani hanno impedito loro di guardare i loro dispositivi, compresi i social media, per questo tipo di contenuti.

I lavoratori delle organizzazioni per i diritti umani hanno criticato le aziende di social media durante una dichiarazione a NBC News di recente, dicendo che queste aziende non riescono ad assistere gli utenti in Afghanistan in modo rapido e adeguato per eliminare i contenuti rischiosi, fornendo anche documenti di supporto nelle lingue regionali.

In mezzo a questo, Facebook ha rivelato che sta prendendo provvedimenti per assistere i suoi utenti all’interno del paese, lanciando nuove funzionalità per gli account dell’Afghanistan. C’è, per esempio, un’opzione sostitutiva con un solo clic che bloccherà un profilo Facebook, impedendo alle persone che non sono amici di vedere le loro foto del profilo e i post.

Facebook ha anche temporaneamente sospeso il potere di guardare e considerare le liste di amici in Afghanistan, riducendo il potere per i talebani di utilizzare la piattaforma per concentrarsi sulle persone. Nel suo thread su Twitter, Gleicher ha rivelato che Facebook ha anche istituito un “centro di operazioni speciali” per colpire qualsiasi nuova minaccia che si presenterà.

LEGGI  Facebook lancia la crittografia end-to-end per le chiamate su Messenger e i DM di Instagram